Non ci sarà un`altro giorno

Oggi non si è fatto giorno, così come da tempo non si fa giorno per nessuno. Nel 2011, le parti per milione (ppm) di CO2, secondo gli scienziati le ppm sono salite in 395, ovvero 45 ppm in più dello standar per garantire la nostra sopravvivenza come specie. Gli scienziati dicono che il limite di sicurezza per l’umanità è di 350 ppm di CO2 nell’atmosfera. Le Nazioni Unite lo stesso anno cerco di limitare il livello di CO2 a 450 ppm, ma i loro sforzi non sono stati ascoltati.

Tutto questo, a causa di bruciare combustibili fossili sopra la soglia dello standar. L’anidride carbonica è la causa principale dell’effetto serra nell’atmosfera, avendo come conseguenza il riscaldamento globale, che accelera lo scioglimento dei ghiacciai, aumento della siccità continenti, il consumo delle foreste, facendo finire specie e gli ecosistemi.

In quegli anni arrivare ai 350 ppm significava trasformare il mondo. Significava anche costruire pannelli solari al posto di centrali a carbone, piantare alberi invece di tagliare le foreste tropicali, aumentare l’efficienza e diminuire i nostri consumi eccessivi, il riciclo del 99%, tra tante altre cose. Perciò tornare a 350 nuovamente significava proporre migliaia di soluzioni diverse. A llora mancò il valore collettivo, l’azione dei cittadini a difendere l’ambiente.

Quello che è vero, che 50 anni dopo, il CO2 ci togliò le albe, i 5000 ppm che abbiamo ora, ci lasciano senza visibilità e senza ossigeno. Oggi viviamo in città sotterranee con atmosfere artificiali controllate.

Quello che era iniziato come città Moll come La Villa sotterranee di Montreal che ha iniziato con 32 chilometri di gallerie collegando a 41 lotti (circa 12 chilometri quadrati), PATH a Toronto, con 371.600 metri quadrati e 27 chilometri di passaggi, Chikigais in Giappone con 81.765 metri quadrati, Forum des Halles a Parigi, con 300 chilometri di passaggi e il Palazzo Comunale in Australia con 4 chilometri quadrati, sono diventate i portali delle città emergente che abbiamo dovuto costruire per sopravvivere, all’atmosfera già insostenibile che copriva i continenti. Ma non tutti abbiamo avuto spazio in quelle città, più della metà della popolazione umana scomparse, a conseguenza dalla mancanza di ossigeno.

E quelli che ancora rimaniamo in vita, soffriamo le nuove malattie prodotte della mancanza dei raggi solare e grazie a respirare l’ossigeno riciclato. La nostra aspettativa di vita si è ridotta a 30 anni, così si è accordato di dare almeno 3 decenni di possibilità di vivere a ciascuno degli abitanti di queste città. Ogni persona quando arriva ai 30 anni deve scrivere il suo epitaffio o il pensiero finale. Questo è il mio: Per me non c’era l’alba nè il giorno, nessun colore, ho vissuto in grigio e così morirò. Non ho eredità per le generazioni future. Quella fu la mia eredità.

Lenin Cardozo – Hugo E. Méndez U. / ANCA24 Italia

Advertisements

Informazioni su ANCA24italia

Notizie ambientaliste, ecologiste e conservazioniste dalle Americhe
Questa voce è stata pubblicata in Articoli. Contrassegna il permalink.

82 risposte a Non ci sarà un`altro giorno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...