I popoli indigeni del sudest Asiatico e dell’Africa Centrale. I boschi primari

Dei 300 milioni di persone indigene che esistono in tutto il mondo, i boschi  primari sono stati il rifugio di circa 150 milioni di loro. Si stima che essi ospitano circa 1.500 gruppi etnici o tribù. L’amore per la madre natura, la sua riverenza tutti i giorni in ringraziamento per il cibo che essa gli fornisce, è il denominatore comune di queste comunità.

Per questi popoli originari, il rispetto per la vita, è il principale valore è lo più sacro. L’avarizia, avidità o accumulazione di ricchezza, sono comportamenti che non entrano nella loro cosmovisione della vita. Così antica come i boschi primari sono quelle stesse comunità. E il suo destino è legato alla fragilità di questi boschi.

Di seguito verrà descritto molto succintamente, lo stile di vita delle principali comunità indigene, nei loro rispettivi ambienti.

I popoli indigeni della giungla del sudest asiatico

Dall’India alla Nuova Guinea, a Indocina, Malesia e attraverso una catena di più di 20.000 isole, si trova la più antica foresta pluviale del mondo. Questa grande foresta primaria è oggi la più minacciata, a causa della pressione insostenibile esercitata dalla popolazione in crescita.

Il sudest asiatico è una regione densamente popolata: ci vivono circa 550 milioni di persone, circa un settimo degli abitanti di Asia. In essa c’è una grande diversità etnica, che vivono soprattutto nei delta, pianure alluvionali e valli fluviali.

Il Delta del Mekong e del Hong sono le aree più densamente popolate. Si stima che vivono in questi territori circa 1.000 tribù. Tra i principali gruppi etnici ci sono i Kayah, Brek, Bwe, Manumanaw, Paku, Yintale, Yimbau, Karen Neri (geba y pa’o), Padaung, Latha, Pwo, Karen Bianchi o S’gaw, Zayein, Toraja, Shan y Kachin.

In Nuova Guinea si parlono  più di 800 lingue, un terzo di tutte le lingue che esistono nel mondo. Gli Asmat, Baruya, Dani, Etoro, Korowai, Lak, Lakalai, Lesu, Maisin, rappresentano i suoi più importanti  gruppi etnici. Molte di queste culture dipendono dalle foreste per mantenere il loro stile di vita, così come è accaduto per molte generazioni. Nella loro cosmovisione, ci sono elementi comuni: Credono che ogni oggetto, montagna, fiume possiede uno spirito. Alcuni di questi benevoli e altri malevoli.

I popoli indigeni dell’Africa Centrale

La più alta concentrazione di popolazioni indigene di Africa, vivono nel bacino del Congo. Tutti dipendono del futuro delle foreste.

I due gruppi principali sono il Bantu occidentali, che rappresentano oltre 400 gruppi etnici di popoli “melanoafricanos” e trai suoi principali gruppi etnici ci sono i Fang, Baqouba, Baluba, Lingala, Bakongo, Hutu, Baganda, Kikuyu, Tongas, Bechuanas, Herero, Swazi, Sotho, Zulu e Xhosa;  e i cosiddetti Pigmei. Si stima che i Pigmei Babongo e Babinga costituiscono il 10% della popolazione della subregione, circa 300.000.

Questi ultimi appartengono ad un certo numero di gruppi etnici e vivono in un territorio dell’Africa Centrale che raggruppa il Camerun, Repubblica Centrafricana, Uganda, Ruanda, Burundi, Repubblica Democratica del Congo, Congo e Gabon. Il popolo di Pigmei è composto da diversi gruppi che vivono in territori selvatici  principalmente di caccia e raccolta di frutti, che anche usano come medicina.

Come altri popoli indigeni, molti di loro sono stati sfrattati dalla loro terra a causa della deforestazione, la dichiarazione dei parchi nazionali e l’attività estrattive delle risorse della foresta. La foresta è la loro ragion d’essere e di vita, la casa della loro cultura e la loro spiritualità. «La Foret pleure», -la foresta piange-. Così descrive la tribù dei Baka -etnia pigmeo-, la crepa che producono gli alberi quando cadono su il sottobosco, seguito al cigolare delle seghe elettriche.

Lenin Cardozo | ANCA24 – Hugo E. Méndez U. | ANCA24 Italia

Advertisements

Informazioni su ANCA24italia

Notizie ambientaliste, ecologiste e conservazioniste dalle Americhe
Questa voce è stata pubblicata in Articoli. Contrassegna il permalink.

109 risposte a I popoli indigeni del sudest Asiatico e dell’Africa Centrale. I boschi primari

  1. Im obliged for the post. Cool.

    Mi piace

  2. Well I truly liked studying it. This subject procured by you is very practical for correct planning.

    Mi piace

  3. Jewelry ha detto:

    F*ckin’ awesome things here. I am very glad to see your article. Thanks a lot and i am looking forward to contact you. Will you kindly drop me a mail?

    Mi piace

  4. make money online ha detto:

    Normally I don’t read article on blogs, but I would like to say that this write-up very pressured me to try and do so! Your writing style has been amazed me. Thanks, very nice post.

    Mi piace

  5. I think other web-site proprietors should take this web site as an model, very clean and magnificent user friendly style and design, let alone the content. You are an expert in this topic!

    Mi piace

  6. health ha detto:

    I truly appreciate this blog post.Much thanks again. Much obliged.

    Mi piace

  7. jet2-holidays ha detto:

    Thank you, I have recently been searching for info about this subject for ages and yours is the best I’ve discovered so far. But, what about the bottom line? Are you sure about the source?

    Mi piace

  8. I don’t even know how I ended up here, but I thought this post was great. I don’t know who you are but certainly you are going to a famous blogger if you are not already 😉 Cheers!

    Mi piace

  9. travel ha detto:

    Very neat post.Really looking forward to read more. Much obliged.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...