Abbiamo iniziato la piantagione di alberi sulle rive del Fiume Apón

Nueva imagenSotto l’ombra di imponenti Laras o Samanes si svolsero la prima giornata del rimboschimento del fiume Apón, con la piantagione di 1000 alberi di frutte e forestali come il Jabillo, Caro Caro, Algarrobo, Quercia, Apamate, Mogano Criolla, Moringa, Anona, Mango, Araguaney, Flamboyán e Camoruco.

Questa iniziativa nasce da una proposta seria del gruppo ambientalista I Guardiani del Fiume Apón, e che hanno potuto far partecipare attivamente ad altre persone, avendo oggi il supporto istituzionale del Ministero dell’Ambiente, Missione Albero, Governo Bolivariano di Zulia, e il sostegno della comunità perijanera impegnata nella difesa di questo importante fiume.

Il fiume Apón sorge nel Cerro Pintado, nella Sierra di Perijá, e scorre 150 km prima di sfociare nel Lago di Maracaibo. Raccontano che una volta era profondo e potente, e che ai suoi porti arrivavano “bongos ”, con merci. Gran parte della vita sociale e commerciale di Machiques era associata a Lui.

Questo bastione naturale della Sierra di Perijá, datore di acqua dolce nella regione, sin dalla fine degli anni ’50 comincia, oggi, a sperimentare le devastazioni dell’attività agricola e di allevamento; più recentemente, le sue acque sono state diminuite dagli effetti di disboscamento indiscriminato e di estrazione illegale di pietre e sabbia da imprenditori privati che hanno deviato il suo corso e causato danni lungo 4 km.

Le attività ecocida contro il Fiume Apón hanno risvegliato l’indignazione collettiva che si è trasformata in azione concrete e che ha permesso di cominciare il recupero e il rimboschimento della zona sotto lo slogan “Guardiani del Fiume Apón Siamo Tutti. Pianta 1.000 alberi per la vita”.

Román Carrillo, coordinatore del collettivo di guardiani, ha descritto l’occasione come “una grande festa per Machiques, perché stiamo appropriandoci del Quinto Obiettivo del Piano della Patria per la conservazione della vita. Questa lotta è iniziata con 9 persone contro un mostro capitalista che ha prodotto la loro ricchezza a spese del fiume; siamo ora 130.000 persone, perché tutti gli abitanti di Machiques di Perijá siamo impegnati a difendere il Fiume Apón”.

A nome del Governo Regionale e il Ministero dell’Ambiente, Lenín Cardozo ha espresso la miglior predisposizione perche queste iniziative siano permanenti nel tempo. Egli ha sottolineato la perseveranza dei Guardiani per farsi ascoltare. Egli ha detto che “un albero è una vita e un fiume è un grande ecosistema, ma per gli altri sono solo la possibilità per fare affari”.

L’Autorità Ambientale nella regione ha osservato che dalla denuncia ci si sta muovendo alla azione. “Andiamo, con tutte le forze, ad approfondire questo e chiederemo i conti a tutti gli ecocide, che protetti dai forti e potenti, hanno causato danni all’ambiente. Non daremo tregua, è un atto di sovranità quello che stiamo facendo oggi in Machiques di Perijá”. Cardozo ha detto che la deforestazione, rampante per decenni, ha causato che il Zulia stia vivendo una siccità storica e i serbatoi della regione siano esauriti, che affliggendo a milioni di Zuliani.

Lenin Cardozo, ambientalista venezuelano | ANCA24 – Fanny Reyes – giornalista ambientalista venezuelana | Hugo E. Méndez U., giornalista ambientalista venezuelano | ANCA24 Italia

Advertisements

Informazioni su ANCA24italia

Notizie ambientaliste, ecologiste e conservazioniste dalle Americhe
Questa voce è stata pubblicata in Articoli. Contrassegna il permalink.