Il Zulia ha moltiplicato in modo esponenziale i suoi spazi per la ricreazione e il tempo libero

zuliaIn un anno e sei mesi nella gestione di Francisco Arias Cárdenas i luoghi di svago e il tempo libero sono aumentati esponenzialmente, dando ai Zuliani la possibilità di ritrovarsi con le città e le bellezze naturali della regione.

Nella pianificazione per le aree urbane è stimato da destinare non meno di 20 metri quadrati per abitante per scopi ricreativi, ma, purtroppo, nel Zulia solo 1 metro quadrato è destinato per persona, una situazione che sta cominciando a cambiare grazie alla visione del Governo Regionale per incorporare, come strategia per lo sviluppo e il benessere, la creazione di Spazi per la Vita e la Pace.

In soli 18 mesi le opzioni si sono moltiplicati per il godimento delle famiglie e contemplazione della bellezza paesaggistica dello stato, il Zulia malapena aveva circa 300 ettari tra piazze e parchi.

Lo Stato del Zulia ha attualmente 6890 ettari che sono diventati o in fase di diventare spazi per la Vita e la Pace.

In Maracaibo, per esempio, l’unico posto dove si trovavano le persone è la Vereda del Lago con i suoi 65 ettari per camminare, fare sport o condividere una riunione di famiglia, questo realtà ha trasformato la città in un luogo senza spazio per tutti, in quanto rappresenta solo un metro quadrato per ogni 3 persone, volto a attività ricreative.

Oggi Maracaibo dispone di 570 ettari per godere e per sfuggire della routine: il Parco Ecoturistico Terra dei Sogni, la seconda tappa del Paseo del Lago, il Parco Metropolitano della Salute, il salvataggio del Giardino Botanico di Maracaibo, sono parte dello sforzo che che dirige il governo.

Oltre a questi Spazi per la Vita e la Pace il Zulia ha i seguenti Parchi ecoturistici per un totale di 14:

tierra de sueños1. Tierra de Sueños (Municipio Maracaibo)

cardon2. Ojo de Agua El Cardón (Municipio Miranda)

refugio3. Refugio de Dantas (Municipio Lagunillas)

guacuco4. El Guacuco (Municipio Mara)

cuevas5. Cuevas del Samán (Municipio Jesús Enrique Lossada)

cienaga-los-olivitos6. Ciénaga de Los Olivitos (Municipio Miranda)

PALMAREJO7. Rutas de Palmarejo (Municipio Santa Rita)

PARCO PEDRERA8. Mudanza Pedrera, (Municipio Valmore Rodríguez)

la Maroma lenin cardozo9. Caño La Maroma, (Municipio Colón)

totoromo10. Las Cuevas de Toromo, (Municipio Machiques de Perijá)

000 Parque Las piedras11 lenin cardozo11. Monumento Geológico Natural Las Piedras, (Municipio Insular Almirante Padilla)

rio cogollo12. Río Cogollo, (Municipio Rosario de Perija)

000 totumena lenin cardozo13. Totumena, (Municipio Machiques de Perija)

0000000 Parque Ecoturistico Los Yabos 1 Produzal lenin cardozo14. Xerofítico Natural Los Yabos, (Municipio Miranda)

Adesso i zuliani hanno dove andare…
Le uscite di weekend o le vacanze hanno smesso di essere un mal di testa per coloro che per qualche motivo non possono viaggiare ad altri stati; il Zulia oggi offre possibilità vicine e accessibile. Da segnalare il primo lavoro eseguito dal Governatore Arias: Il parco eco-turistico Terra dei Sogni in Capitano Chico, 92 ettari di Mangrovie Rosso che costituiscono l’unico polmone verde che era rimasto alla città di Maracaibo e oggi rappresenta una destinazione ecoturistica, in cui l’apprendimento e divertimento vanno di pari passo.

Nel Giardino di Zulia, il Consiglio di Ciruma nel Comune di Miranda, è stato consolidato un vecchio sogno della comunità: il Parco Ecoturistico Ojo de Agua El Cardón, Tempio di Cabimos e alberi di Carrubi che per la sua altezza sembrano toccare il cielo e che custodiscono la giungla tropicali umida abitata da Scimmie Urlatrici, Tartarughe, un sacco di uccelli e rettili. Un luogo magico, circondato da sorgenti.

Quest’anno il Governo Regionale ha consegnato tre nuovi eco-parchi: Las Cuevas del Samán, nel Comune Jesús Enrique Losada, che costituisce il più grande sistema di grotte del paese, interconnessi lungo 18 chilometri e mezzo, e abitata da una importante colonia di guacharos.

Ha anche aperturo come spazio per la Vita e per la Pace il Rifugio Dantas, all’interno della Riserva Forestale di Burro Nera in Lagunillas, dove sono stati concepiti percorsi di interpretazione per i visitatori per avere la possibilità di apprezzare la foresta tropicale semi-arido, Groves meravigliosi come i centenari Ceibas Bianche o Majumbas con oltre 50 metri di altezza e oltre 70 tipi di uccelli che fino ad oggi sono stati classificati.

Il Governatore ha anche inaugurato il Parco ecoturistico Il Guacuco, nella comunità di Nazareth, nel Comune di Mara. Una foresta di mangrovie Rosso e Bianco per essere visitata attraverso un ampio ponte di legno che termina sulle rive del Lago di Maracaibo.

Il Rifugio della Fauna Selvatica Ciénega degli Olivitos ei suoi bellissimi fiamminghi Rosa, centinaia di uccelli migratori e caimani della costa, tra le molte altre specie, è stato un luogo sconosciuto fino a poco tempo da molti zuliani, oggi è una nuova destinazione ecoturistica riaperta dal Governo Regionale d’intesa con il Ministero dell’Ambiente; rappresentando una porta aperta per la contemplazione e la conoscenza.

La Laguna della Macanilla, in Santa Rita, sarà in pochi mesi un posto per apprezzare la natura e pratica degli sport acquatici.

Non è possibile concepire la modernizzazione dello Stato e le sue città se non sono ammessi gli spazi per la creazione di parchi metropolitani come luoghi di svago e divertimento.

In questo ordine di idee, Maracaibo ha attualmente il Parco Metropolitano Francisco Delgado, nella sua seconda fase, già in fase di realizzazione, prevede la presenza di un bosco di flora autoctona, che costiuisce un nuovo polmone verde per la città. Sono stati inoltre avviati il lavoro del Parco Metropolitano del ovest “La Rinconada”, nella parrocchia di San Isidro con 120 ettari tutelati per la futura crescita in quella zona di Maracaibo.

Nell’isola centrale della strada di Lara-Zulia inizia a stabilirsi quello che sarà una grande foresta. I primi 9,5 ettari si integra il Parco Viale Corta Fuego, nel settore Monte Pío, ospita oggi più di 9000 alberi di specie autoctone e 800 pini Caraibi.

La seconda fase del Paseo del Lago, il Boulevard Costanero di Cabimas, il ringiovanito Parco Rafael Urdaneta, lo Zoo Metropolitano e il Giardino Botanico; il Parque La Marina diventato terminal multimodale per il turismo e la recente riapertura del Mirador del Lago, che per anni è stato un monumento alla pigrizia, forma parte dei risultati che l’attuale gestione deve mostrare.

È anche avviato il progetto di un Paseo sulle rive del Lago nella Cañada di Urdaneta, nella zona di Potreritos, dove i protagonisti saranno imponenti palme da cocco; insieme al Parco Cerro La Estrella nel Comune di Baralt, luogo di nascita del centenario pozzo di petrolio Zumaque I.

Si annunciano nuovi progetti che sicuramente ampliaranno l’orizzonte delle alternative per il vivere bene e la ricreazione di coloro che abitano nel Zulia e di chi si avvicina per conoscere quanto lo Stato ha da offrire.

Lenin Cardozo, ambientalista venezuelano | ANCA24 – Fanny Reyes – giornalista ambientalista venezuelana | Hugo E. Méndez U., giornalista ambientalista venezuelano | ANCA24 Italia

Advertisements

Informazioni su ANCA24italia

Notizie ambientaliste, ecologiste e conservazioniste dalle Americhe
Questa voce è stata pubblicata in Articoli. Contrassegna il permalink.