Metaecologia e il suo orizzonte poetico

PORTADA LIBRO METAECOLOGIA en italianoSe l’ecologia indaga il collegamento dinamico degli organismi viventi con il luogo dove loro abitano, facendo corrispondere prospettive scientifiche dissimili nella loro versione accademica. Nella sua versione politica-sociale fecce, nella sua prassi di azione, della predicazione di queste conoscenze un apostolato in difesa reale, efficiente, degli spazi naturali del Pianeta nel tentativo sempre disperato di fermare il deterioramento fatto dall’uomo.

Tuttavia, prima del concetto scientifico di ecologia, è sempre esistito nell’emisfero occidentale -parodiando la famosa espressione francese: “l´ ecologie avant l´ecologie”-, un livello della creatività artistica che mostra lo stesso amore per la Terra insieme all’angoscia del suo divenire. Questo strato artistico e spirituale pieno di sentimento ecologico (senza desiderio scientista né diatriba) abbiamo nominato METAECOLOGIA.

Dalla poesia di Omero nell’Iliade e nell’Odissea, da allora si esaltano, esaustivamente, i bei territori, isole e regioni continentali di quella Grecia. Ereditò la civiltà romana, quanto ha potuto della conoscenza ellenica così anche la philia attraverso il sostegno descrittivo della bellezza dei paesaggi della parte italiana dell’Impero Romano, sufficiente per suscitare l’entusiasmo del lettore nel ricordare le Bucoliche, le Georgiche di Virgilio. Da allora, eredità permanente della poesia lirica occidentale.

Ma non solo la poesia, durante il Rinascimento europeo i maestri della pittura hanno convalidato con le loro opere questa presenza della natura selvaggia. Se si guarda da vicino e attentamente i suoi quadri, si percepiranno sullo sfondo dietro dei piani delle figure centrali, panorami incantevoli della vegetazione, a volte con i loro animali, delle rispettive nazioni giovani da allora.

Un secolo più tardi, testimonianza di quella vegetazione fertile intorno alle città, si travo nei quadri di Watteau, Poussin e Cruzón, questo slancio con la amorevole veemenza fino alla prima metà del XX secolo. L’inconfondibile luminosità mediterranea del sud della Francia, insieme con la sua flora, arricchita di verde, le sue vie, i suoi azzurri, i suoi viola, i suoi dorati, la pittura di H. Matisse, C. Monet e J. H. Fragonard.

Naturalmente, la musica con con la sua forza rivelatrice delle dense criptiche, emozioni dello spirito espose con grande intensità sul tessuto delle sue note, la grazia degli ambienti naturali sostanzialmente unita con l’esistenza dei suoi abitanti. Ritorniamo ad ascoltare nel ricordo –mentre leggiamo queste pagine– il dolce omaggio di Vivaldi alla primavera, l’estate, l’autunno, l’inverno (Le quattro stagioni), La Sesta Sinfonia di Beethoven, La Sinfonia Scozzese di Mendelssohn, Il Mio paese di Smetana, La Finlandia Sibelius, La Sagra della Primavera di Stravinsky, tra molti altri spartiti esponenti dell’affetto alle regioni naturali, agli splendidi panorami, per il fascino del terzo pianeta del sistema solare, per il suo più nobile volto: la vita.

In Venezuela, forse è stato nella pittura, nei libri sulle piante e gli animali, per la sua saggezza e la finalità: La fauna descriptiva de Venezuela, di Eduardo Röhl, il Manual de plantas usuales de Venezuela de H. Pittier, i volumi sorprendenti sulle Hierbas y árboles venezolanos di Jesús Hoyos. Nel racconto, la poesia, dove le lussureggianti estensioni della Patria, ha trovato i suoi grandi divulgatori, interpreti genuini della bellezza della sua natura.

Dalla creazione pittorica vengono in mente Armando Reverón con le sue “marinas” e paesaggi della Guaira, Rafael Monasterio, Luis Alfredo López Méndez.
Nel racconto del paesaggio venezuelano occupa un posto allo stesso livello della favola nel dramma, i personaggi, della tesi; il romanzo di Rómulo Gallegos lo dimostra inconfutabilmente, come nessuno, ha esaltato con una ichiarazioneo carica di philia le grandi estensioni geografiche componenti del Venezuela: La Pianura (Doña Barbara, Cantaclaro), la giungla (Canaima), la pianura al nord-ovest del Lago di Maracaibo (Sobre la misma tierra), la Cordillera de la Costa (Pobre negro), prima di Gallegos altrettanto hanno trattato con discorso nobile, aspetti della zona del paese M. V. Romero García nel XIX secolo con il suo romanzo Peonía; agli inizi del secolo scorso, virtuosi in questa fortitude descrittiva alla pari di salvatrice, degni rappresentanti dei racconti furono L. M. Urbaneja Achelpohl (¡En este País!), Manuel Díaz Rodríguez (Ídolos rotos, Peregrina).

Nella poesia da Andrés Bello fino ad oggi! La prolissa e travolgente presenza della poesia lirica, evita condensare gli scritti raccolti su questo aspetto tra l’altro innecessario che nei suoi libri precisamente trattano.

Ebbene, al di sopra della nobile scienza dell’ecologia, vi è una versione artistica spirituale di quello stesso amore alla Terra insieme all’inquietudine per il suo destino. L’uomo saggio sempre ha percepito esse affetto, essa accattivante visualizzazione del Pianeta come la “makros oikos”, la vasta casa di tutti all’interno della quale attraversiamo l’avventura dell’esistenza, identificati, impegnati con il suo divenire.

Significa la poesia dell’ambiente un intenso dialogo nel corso del tempo, con l’eternità metafora avvolgere di una supplica a Zeus, Theá, Artemis, a Dea Diana, la Divina difesa silenmziosa della Terra.

Questo orizzonte artistico spirituale, pieno di passione ecologica, verrà chiamato METAECOLOGÍA.

Lenin Cardozo, ambientalista venezuelano | ANCA24 – Hugo E. Méndez U., giornalista ambientalista venezuelano | ANCA24 Italia

Advertisements

Informazioni su ANCA24italia

Notizie ambientaliste, ecologiste e conservazioniste dalle Americhe
Questa voce è stata pubblicata in Articoli. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...